Pacchi
Buste
Pallet

spedizioni vino all'estero

spedire vino all'estero

  • spedire vino in Belgio

    - Fattura commerciale

    - L’imballaggio e l’etichettatura devono rispettare la normative ue

    Non servono documenti particolari in quanto per tutti i paese dell’unione Europea è in vigore la L. 1234/2007 del 22-10-2007.

  • Spedire vino in Bulgaria

    - Fattura commerciale

    - Documento di accompagnamento

    - Certificato di origine e certificati di analisi

    - L'etichettatura del vino deve rispettare le normative europee

    Non è possibile spedire in contenitori di plastica per quantità superiori a 0,5 litri

  • Spedire vino in Bosnia Erzegovina

    - Fattura commerciale

    - Cmr

    - Dichiarazione doganale

    - Certificato di origine

    - Certificato di analisi in base alla normativa CE 883/2001

  • Spedire vino in Croazia

    - Fattura commerciale

    - Dichiarazione doganale

    - Documento di trasporto ddt

    - Certificato di origine, certificato di analisi

    - Etichettatura del vino

    - Dichiarazione doganale dell’importatore

    Bisogna stare attenti che il certificato di origine contenga le seguenti informazioni:

    - numero di pacchi

    - tipologia di merce spedita

    - diciture e numeri

    - quantità (peso lordo e netto, numero, volume, ecc.)

    - ragione sociale del mittente o fornitore e relativa sede legale (ai fini doganali l’origine della merce viene comprovata tramite EUR1).

    Teniamo a precisare che per poter esportare vino in Croazia bisogna rivolgersi a professionisti del settore poiché l’iter è parecchio articolato.

  • Spedire vino in Macedonia

    - Fattura commerciale

    - Dichiarazione doganale

    - Documento di trasporto o ddt

    - Certificato di origine

    - Certificato di analisi

    Il vino deve inoltre avere etichettatura in lingua locale con indicate le seguenti informazioni:

    -      Nome del prodotto

    -      Ragione sociale della ditta

    -      Indirizzo completo

    -      Data scadenza

    -      Anno di produzione

    -      Paese di origine

    -      Paese di produzione

    -      Nome della società ed indirizzo completo dell’importatore

  • cosa serve per spedire vino Albania

    Si riporta di seguito una sintesi dei documenti che devono accompagnare l'esportazione di vino dall'Italia.

    Trattasi di un elenco indicativo, pertanto, anche se tale elenco costituisce un buon promemoria, è si consiglia comunque di consultare guide ufficiali presso le camere di commercio della provincia di esportazione.

    La fattura commerciale o proforma invoice deve contenere:

    -      Ragione sociale destinatario

    -      Valore della merce

    -      Numero colli

    -      Peso lordo

    -      Eventuale assicurazione

    -      Modalità di pagamento

    -      Data di emissione e numero progressivo attribuito al documento

    -      Voce doganale (taric)

    -      Peso netto

    -      Numero di pezzi

    -      Ammontare delle spese di spedizione

    -      Certificato di origine

    Si ricorda inoltre che:

    - l’etichettatura del vino deve essere in lingua albanese

    - per effettuare le operazioni doganali è necessario che il destinatario abbia la partita iva

    - le bottiglie devono avere il bollo fiscale, pertanto bisogna acquistare i bolli presso la direzione generale delle imposte pagando l’accise.

  • spedire vino negli Stati Uniti

    Per spedire vino negli Stati Uniti è necessario che il ricevente sia un importatore abilitato alla ricezione di alcolici e che l’esportatore sia iscritto presso la fda “ food and Drug Administration”.

    Ogni qualvolta spediamo merce anche campionatura deve essere segnalata presso la fda, maggiori dettagli li troverete sul seguenti sito

    http://www.fda.gov/default.htm

    Necessità che la spedizione sia accompagnata

    ·         Fattura export o proforma invoice

    ·         Dichiarazione doganale

    ·         Packing list

    ·         Certificato di analisi solo per distillati o liquori con gradazione superiore al 22%

    Per i campioni gratuiti

    su tutte le bottiglie e su ciascun cartone deve essere riportata la scritta che sono campioni gratuiti, “ free samples – not for sale” il nome dell’importatore e il numero di licenza.

Si riporta di seguito una sintesi dei documenti che devono accompagnare l'esportazione di vino dall'Italia.

Trattasi di un elenco indicativo, pertanto, anche se tale elenco costituisce un buon promemoria, è si consiglia comunque di consultare guide ufficiali presso le camere di commercio della provincia di esportazione.